Città d’arte in Umbria - Villamena Resort Assisi

Città d’arte in Umbria

In Umbria troverete centinaia di borghi medievali intatti raggiungibili in auto in pochi minuti. Alcuni di essi sono molto conosciuti in tutto il mondo per la loro storia, le loro tradizioni e la loro gastronomia.

Assisi

(6km/10min da Villamena)

Assisi, la città natale di San Francesco, è uno dei luoghi più spirituali d’Italia. Assisi è una meta eterna per i pellegrini che vogliono vedere i luoghi dove San Francesco è nato e vissuto.

Nell’anno 2000 Assisi è stata nominata dall’UNESCO Patrimonio dell’Umanità, descritta come un esempio unico di storia continua: una città-santuario a partire dalle sue origini umbro-romane, attraverso il Medioevo e fino ad oggi.

Cascia

(90km/1h e 27min da Villamena)

Cascia fu fondata in epoca romana, anche se non rimane nulla che ricordi quei tempi, a causa delle devastazioni delle tribù barbariche e dei terremoti che hanno periodicamente colpito la città e le città vicine.

Cascia ha vissuto il suo periodo di massimo splendore durante il Medioevo, diventando Comune nel XII sec.. All’inizio del XVI secolo Cascia si arrese allo Stato Pontificio sotto il cui governo rimase per meno di 30 anni, a seguito dei quali mantenne la propria indipendenza pur rimanendo legata allo Stato della Chiesa.

La meta turistica più importante è il Santuario di Santa Rita di Cascia, ancora oggi meta di pellegrinaggio. La basilica inerente al complesso del santuario fu fondata in sostituzione di una precedente, ricostruita nel 1557 e già dedicata a Santa Rita. Le suore agostiniane, le Suore di Rita, vivono ancora oggi nel monastero di clausura. Nella cappella della Basilica è custodito il corpo della santa.

Città della Pieve

(78km/1h e 24min da Villamena)

Lungo l’antico tracciato della Via Romea sorge Città della Pieve, la patria di Pietro Vannucci detto il Perugino, pittore rinascimentale che fu maestro di Raffaello. Città della Pieve è una cittadina medioevale situata su un colle che colpisce per il l’intenso colore della terracotta dei suoi edifici storici. Nel punto più alto domina la Rocca con le sue cinque torri quadrate, mentre il centro della città è Piazza del Plebiscito, che ha come fulcro storico e architettonico il Duomo, l’antica chiesa, con opere del Perugino. Dalla piazza prendono forma i quartieri storici (Terzieri): il “Castello”, con Piazza XIX Giugno dominata da Palazzo Fargna, il “Casalino” con l’oratorio di S. Maria dei Bianchi, prezioso per l’affresco dell’Adorazione dei Magi del Perugino, e il “Borgo Dentro”.

Gubbio

(42km/50min da Villamena)

Un capolavoro della città medievale, ricca di patrimonio storico e artistico oltre che di antiche tradizioni, che si ritrova intatto nel suo folklore e nei suoi prodotti tipici. È Gubbio, la città più antica dell’Umbria, come dimostrano le Tavole di Gubbio, ospitate nel Museo della Città, e le rovine del Teatro Romano.

Il quartiere medievale è stato delineato soprattutto nel corso del Trecento, che ha segnato il periodo di massimo sviluppo della città, come dimostra il magnifico Palazzo dei Consoli, progettato da Angelo da Orvieto.

Norcia

(85km/1 h e 20 minuti da Villamena)

Norcia è famosa per i suoi prodotti enogastronomici quali il pregiatissimo tartufo e tutti gli insaccati, motivo per cui il comune termine norcineria indica i locali destinati alla lavorazione e alla vendita della carne suina.

È patria di San Benedetto – patrono d’Europa, fondatore dell’ordine dei benedettini il cui motto è: «ora et labora». Sarà per questo che i nursini sono considerati «lavoratori indefessi».

Segnaliamo la possibilità di praticare il rafting sul fiume Corno, nei pressi della città.

Orvieto

(96km/1h e 38min da Villamena)

La bella Orvieto sorge su un colle di tufo in mezzo alla campagna umbra. Sede di un imponente Duomo, uno dei più importanti d’Italia, di un centro storico medievale ben conservato e di una rete di gallerie sotterranee molto interessante. Grazie alla sua naturale fortificazione collinare, nel ‘500 Orvieto è stata un luogo di rifugio anche per il papa, in fuga dopo il Sacco di Roma.

Orvieto è famosa anche per il Pozzo di San Patrizio (175 metri di profondità, 45 metri di larghezza e 496 gradini di discesa), che è possibile visitare ancora oggi. Per garantire l’approvvigionamento di acqua durante un assedio, Papa Clemente VII ordinò la costruzione di quest’originale opera di ingegneria, caratterizzata da due scale a chiocciola autonome tra loro che portano ad un ponte da cui la popolazione poteva attingere l’acqua trasportandola con i muli senza ostacolarsi a vicenda. Il progetto a doppia rampa elicoidale era fondamentale per consentire un flusso di approvvigionamento sicuro ed efficiente.

Perugia

(33km/40 minuti da Villamena)

Perugia, capoluogo dell’Umbria, città di origini etrusche – testimoniate dall’Ipogeo dei Volumni nonché dal bellissimo Arco Etrusco o di Augusto – racchiude in sé sia il fascino del periodo medievale sia i capolavori del Rinascimento: dal duecentesco Palazzo dei Priori – che ospita la Galleria Nazionale dell’Umbria, con opere di Perugino, Piero della Francesca, Beato Angelico e Pinturicchio – alla Rocca Paolina, straordinario esempio di fortezza papale progettata dal Sangallo nel Cinquecento.

Spello

(18km/20 minuti da Villamena)

Come Assisi, Spello rappresenta una rara espressione di borgo completamente medioevale. Arroccata su di una collina, gode di una vista meravigliosa sulla Valle Umbra. In centro è da visitare la Cappella Baglioni affrescata dal Pinturicchio all’interno della chiesa di Santa Maria Maggiore.

Ma Hispellum nacque romana, a presidio della Via Flaminia, e di quell’epoca (esattamente, del periodo imperiale) conserva la bellissima Villa dei Mosaici, residenza recentemente restaurata, da non perdere. Si può concludere la visita con la secentesca Villa Fidelia e il suo magnifico giardino «all’italiana».

Spoleto

(51km/50 minuti da Villamena)

Città rinomata per il famosissimo Festival dei Due Mondi, Spoleto rappresenta uno straordinario centro artistico e culturale oltreché una città dalla storia importante – fu Ducato longobardo con controllo sull’Adriatico – per oltre cinquecento anni, della cui epoca rimangono la Rocca Albornoziana nonché numerosi esempi di arte romanica quali il Duomo – nel quale è conservata una Natività di Filippino Lippi – e la splendida chiesa di Sant’Eufemia.

Todi

(63km/1h da Villamena)

La città di Todi sorge su una collina, alta più di 400 metri, nel cuore della Valle del Tevere. L’origine del nome sembra essere incerta, ma molti ritengono che abbia avuto origine dal nome etrusco “Tutere” che significa confine. Todi, infatti, dalla sua posizione elevata, dominava la valle del Tevere e confinava con l’antico territorio degli Etruschi.

Nel 1236 la città vide la nascita di uno dei suoi cittadini più eminenti, il poeta francescano Jacopone.

All’inizio degli anni ’90, l’Università del Kentucky, sulla base di una serie di fattori qualitativi, elesse Todi “Città Ideale“, un luogo in cui natura e uomo, storia e tradizione si fondono in un punto di eccellenza mondiale. Todi è stata scelta inaspettatamente come la città più vivibile del mondo.

Info & prenotazioni

Vuoi prenotare o hai bisogno di maggiori informazioni?
Compila il modulo di contatto, il nostro Staff è a tua disposizione.





Autorizzo il trattamento dei dati personali ai sensi del art. 13 del Regolamento (UE) n. 2016/679 sulla privacy